Il libretto d’impianto è il documento di riconoscimento di ogni impianto termico.
Al suo interno è presente la Targa Impianto, sono descritte le caratteristiche tecniche e, nel tempo, sono registrate le eventuali modifiche, sostituzioni di componenti e tutti gli interventi di controllo effettuati.
Il Registro dell’apparecchiatura per macchine con contenuto di gas superiore alle 5
tonnellate di Co2 eq. va conservato per almeno 5 anni ed esibito su richiesta dell’autorità competente.
A partire dal 25 settembre 2019 tutte le informazioni contenute nei registri delle apparecchiature sulle attività di controllo delle perdite, di installazione, assistenza, manutenzione, riparazione e smantellamento vengono comunicate, per via telematica, alla Banca dati Fgas individuata dall’art. 16 del nuovo D.P.R. n. 146/2018 : l’obbligo di tenuta dei registri sarà, quindi, assolto attraverso questa comunicazione alla Banca dati, dalla quale sarà possibile scaricare un attestato contenente tutte le informazioni relative alle proprie apparecchiature.

Il Responsabile dell’impianto è il proprietario dell’impianto termico, in tutto o in parte.
Nel caso di impianti centralizzati amministrati in condominio o impianti di proprietà di soggetti diversi dalle persone fisiche (cioè di ditte, società, ecc.) le responsabilità sono a carico dell’amministratore o del legale rappresentante.
Nel caso di unità immobiliari con impianti termici individuali affittate o date in godimento, gli obblighi e le responsabilità per il corretto esercizio, la manutenzione ordinaria dell’impianto e gli adempimenti per le ispezioni periodiche sono a carico di colui che occupa l’immobile.
Tutti gli impianti termici devono essere sottoposti a controlli periodici che hanno la finalità di garantire una maggiore sicurezza e mantenere efficiente l’impianto:
Gli impianti termici con potenza nominale maggiore o uguale a 12 kW hanno obbligo di manutenzione e controlli periodici, il manutentore o l’installatore terminate le operazoni di controllo stila un rapporto tecnico D.A.M (Dichiarazione di Avvenuta Manutenzione) e lo trasmette al catasto unico regionale degli impianti termici CURIT.
I generatori con contenuto di Gas pari o superiore alle 5 tonnellate di CO2 eq. sono soggetti al controllo delle perdite.

continue reading

Related Posts